Informazione alla Popolazione: stabilimento Fiamma 2000 di Ardea

17 gennaio 2020

(Leggi l’informazione in formato pdf)

|n adempimento al Decreto del Ministero dell’Ambiente del 29 settembre n.200 (in GU del 3/11/2016), disciplinante le forme di consultazione della popolazione sui piani di emergenza esterni (PEE) predisposti dal Prefetto per le industrie a rischio di incidente rilevante, si informa la popolazione sulle misure di protezione da adottare per ridurre le conseguenze in caso di evento incidentale dello stabilimento FIAMMA 2000 S.p.a., sito in Via Pontina Vecchia km 35,600 Ardea (RM), al fine di salvaguardare la salute della popolazione e dell’ambiente.
Lo stabilimento di GPL rientra nell’ambito di applicazione della normativa diretta alla tutela della popolazione e dell’ambiente contro il rischio industriale (decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 334 e successive modificazioni e integrazioni — attuazione della direttiva 96/82/CE relativa al controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose) e quindi è richiesta la predisposizione e periodica revisione del piano di emergenza.
A tal uopo si informa la popolazione preventivamente e successivamente in merito all’accadimento dell’evento incidentale, fornendo indicazioni sui comportamenti da seguire in caso di incidente rilevante.
Allarme e messaggio alla popolazione

I livelli di allerta sono: Attenzione – Preallarme – Allarme – Cessato Allarme.

In caso di Attenzione la popolazione sarà informata da parte di questa Amministrazione comunale, seppur tale stato è privo di qualsivoglia ripercussione all’esterno dell‘attività produttiva;
In caso di Preallarme, tale evento pur sotto controllo, sarà avvertito dalla popolazione esposta, sebbene i parametri fisici che lì caratterizzano non raggiungano livelli di soglia che dalla letteratura sono assunti come pericolosi per la popolazione e/o l’ambiente.
In caso di Allarme
Si instaura uno stato di Allarme quando le circostanze sono relative a tutti quegli eventi che possono dare origine esternamente allo stabilimento a valori di irraggiamento, sovra pressione e tossicità superiori”a quelli solitamente presi a riferimento per la stima delle conseguente. In questa fase, si ha l’intervento di tutti i soggetti individuati nel PEE
Nei casi in cui ricorrono le condizioni di rischio di incidente rilevante, il Piano di emergenza esterno (PEE) è attivato a seguito di segnalazione anche con allarme proveniente dallo stabilimento, tramite il suono di sirena che indica contemporaneamente ai soccorritori e alla popolazione il verificarsi di un incidente.
Il Piano di Emergenza Esterno viene attivato tramite il suono di una sirena dislocata sul tetto della palazzina uffici fronte strada è udibile sino ad un raggio di mt 500.

Il messaggio di allarme è un  SUONO LUNGO CONTINUATO
Il messaggio alla popolazione riguarda:
– EVACUAZIONE PER COLORO CHE SI TROVANO NEL RAGGIO DI MT; 350 DALLO STABILIMENTO E
ALL’APERTO SULLA VIA PONTINA VECCHIA;
– RIFUGIO AL CHIUSO PER COLORO CHE SI TROVANO OLTRE LE ZONE DI DANNO E SINO AL RAGG!O
DI UN CHILOMETRO;
Il messaggio di cessato allarme è: UN SUONO LUNGO (ripetuto tre volte)
Alla popolazione eventualmente esposta agli eventi incidentali, si ritiene opportuno consigliare alcune norme comportamentali di carattere generale da seguire:
1) Restare, o recarsi, in ambienti chiusi (es. casa, ufficio, ecc.) chiudere porte e finestre; spegnere gli impianti di aria condizionata e tutti i sistemi di presa d’aria esterna, spostamento in ambienti seminterrati o interrati;
2) Ascoltare attentamente le informazioni e le istruzioni sul da farsi che le autorità forniranno attraverso le televisioni e le emittenti radiofoniche locali, anche su eventuali restrizioni e avvertimenti relativi al consumo degli alimenti e dell’acqua;
3) Utilizzare il telefono (fisso e cellulare) solo se è assolutamente necessario, per evitare di intasare le linee;
4) Se si sospetta di essere stati esposti & intossicazione, recarsi al punto di raccolta della popolazione indicato nel PEE (scuola media Virgilio — Via Laurentina km 32+000). Si ricorda che possono essere considerati esposti a rischio intossicazione solo coloro che, al momento dell’incidente, si trovino all’aperto nelle immediate vicinanze dell’evento.
Aree di Attesa ed Aree di Ammassamento mezzi di soccorso
Il Piano di Emergenza Esterno (PEE) prevede che la popolazione residente nelle aree di danno di sicuro impatto sino a mt 350 dal baricentro dello stabilimento, censiti dalla Polizia Locale siano evacuate da personale a tal uopo incaricate e trasportate presso l’Area di Attesa individuata da questa Civica Amministrazione nei locati della scuola primaria di secondo grado “Virgilio” sita in Via Laurentina km 32+000, nelle immediate vicinanze del Comando di Polizia Locale, dove sarà garantita la dovuta assistenza da parte di personale incaricato, e la permanenza durante l’evento incidentale sino al cessato allarme, tale personale adoperandosi al ripristino delle condizioni di normalità, ed in  particolare all‘ordinato rientro della popolazione presso le abitazioni.
Particolare attenzione sarà dedicata all’assistenza di persone con handicap, presenti nell’aree di danno, che saranno condotte presso l’Area di Attesa citata ed assistite da personale specializzato.
Nel caso di soccorso sanitario alla popolazione colpita, è istituita in Via Pontina Vecchia in prossimità con l’intersezione di Via Laurentina (Bivio Garanti — Bar Anni 50 caffè) l’Area di Ammassamento dei mezzi di soccorso, ove il personale sanitario dell’Ares 118 garantirà il triage e primo soccorso sanitario, coordinando il trasporto dal luogo dell’evento sino all’ospedale più idoneo.