Ardea, Consiglio approva presa d’atto area interesse pubblico tenute storiche Campagna romana

11 agosto 2017

Il Consiglio comunale di Ardea ha approvato la presa d’atto e la condivisione sulla dichiarazione di notevole interesse pubblico dell’ambito delle tenute storiche di Torre Maggiore, Valle Caia e altre della Campagna romana, proposta dalla Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per l’area metropolitana di Roma, la Provincia di Viterbo e l’Etruria meridionale. Si tratta di un intervento rilevante del Ministero dei Beni e le Attività culturali perché l’area racchiude un insieme paesaggistico che conserva, nonostante vari fenomeni sparsi di urbanizzazione e gli ambiti industriali che la circondano, le caratteristiche agro-silvo-pastorali che per secoli hanno connotato la Campagna romana con interessanti esempi di insediamenti agricoli, inscindibilmente coniugati a numerose preesistenze architettoniche. “Ci sentiamo responsabili di costruire le basi per promuovere il territorio partendo dai suoi valori primari, sia culturali (la storia, le tradizioni, gli stili di vita) sia ambientali (le risorse idriche, di flora e fauna, di ecosistemi), nella direzione non solo della salvaguardia, ma anche delle potenzialità economico-produttive (turistiche, ricettive, agrarie), rispettandone l’identità e, soprattutto, con l’obiettivo di ‘Restituire la bellezza al territorio e il territorio ai cittadini’ – ha detto in aula Sonia Modica, assessore ai Beni culturali e ambientali – Le azioni che stiamo mettendo in campo sono su vari fronti: quello del decoro urbano (ancor più difficile nel periodo estivo), la gestione delle aree archeologiche, una strategia commerciale e turistica, una organizzazione delle infrastrutture e dei servizi”.